Detti e proverbi a Roma

Si moro e poi rinasco, prego Dio d'arinasce a Roma mia! Er primo amore nun se scorda mai. Chi nun suda da giovine, digiuna da vecchio. La esperienza viè co' l'anni.
Tutte le strade porteno a Roma. La sora Camilla, tutti la vojono e gnisùno se la pija. Cascata de gioventù, ossa ammaccate: cascata de vecchio, morte avvantaggiata. Chi conta quatrini er primo dell'anno, li conta tutto l'anno.
Roma è come la fabbrica de San Pietro, che nun finisce mai. Chi vò la fija, accarezzi la mamma. Pila intronata,cent'anni pe' casa. Celo rosso de sera, bon tempo se spera.
La donna è come la castagna : bella de fòra e drento la magagna. L'amore nun è bello si nun è stuzzicarello.
Bove vecchio, tira l'aratro mejo.
Er celo a pecorelle porta l'acqua a catinelle.
La bellezza è come er fiore:presto nasce e presto mòre. Chi pe' amore se pija, pe' rabbia se lassa. Er vino è la zinna de li vecchi. Quanno San Pietro mette er cappello, vattene a casa e pija l'ombrello.
Chi dice donna dice danno. Matrimonio d'interesse, se riduce a callalesse. Vecchio è solo chi more. Quanno piove e esce er sole, quarche vecchia fa l'amore.
Chi nun vò bene campa male. Voja de moje, castigo de Dio. Doppo la cinquantina, un malanno ogni matina. Quanno er gatto ruzza, è segno d'acqua.
L'amore è come l'ova: è bono quanno è fresco. Gallina vecchia fa buon brodo. Doppo li quaranta nun se fischia e nun se canta. Febbraio è curto e amaro.

HOME PAGE